Archivio notizie >
Effettivo del club
Attivitā del club
La storia del club di Carbonia
Contatta il club

Scarica l'opuscolo "Questo è il Rotary"
Questo č il Rotary!
.pdf, 509 kb


News > Archivio notizie > Trimestre Gennaio-Marzo 2007
27 Marzo 2007
Conversazione del Presidente della Provincia di Carbonia—Iglesias
Il Presidente della Provincia Pierfranco Gaviano ha tenuto, durante una riunione del Club con Signore ed Ospiti , una gradita conversazione sulla Nuova Provincia di Carbonia-Iglesias.
La piacevole conversazione, a braccio, del Presidente Gaviano ha percorso le tappe fondamentali che hanno portato alla costituzione delle nuove province Sarde, fra la quali la nostra, le difficoltà incontrate sin dal momento della costituzione ed avvio della stessa e delle problematiche operative emerse.
Il Presidente ha fatto, seppur brevemente, l’analisi del territorio, ha evidenziato le discrasie esistenti, anticipando alcune tematiche alle quali l’Amministrazione delle Nuova Provincia intende dare risposte alla collettività del Territorio.
 
23 Marzo 2007
Premiazione dell’operato del nostro Socio Giovanni Porro
Pur non essendo del Nostro Club, ma del Club di Iglesias, segnaliamo il progetto dal titolo “Iglesias che Produce” che premia l’operato delle aziende che nel territorio si siano maggiormente distinte nel corso degli ultimi anni per la loro capacità produttiva e soprattutto per l’incremento dello sviluppo socio-economico territoriale.
All’11ª edizione del premio ha visto premiata l’Azienda Salumitaliani S.r.l. del nostro Socio Giovanni Porro e del figlio Andrea, anch’egli quasi rotariano in quanto assiduo frequentatore del nostro Club.
L’Azienda da essi realizzata è una struttura moderna, confortevole e con attrezzature all’avanguardia , completamente meccanizzata ed informatizzata.
In omaggio ai cari Amici Giovanni ed Andrea è doveroso riportare, anche nelle nostre pagine, l’importante premio da essi conseguito, a comprova non solo della loro alta professionalità ma anche della tenacia nell’aver raggiunto in circa tre anni di attività risultati brillanti nel campo del servizio di confezionamento e di logistica di prodotti alimentari freschi.
L’Azienda è stata precedentemente oggetto del Progetto “Scuola e Lavoro” con due incontri informativi-motivazionale con gli studenti delle classi quinte dell’IPIA di Carbonia, indirizzo Elettrico-Elettronico, uno il 02 Marzo presso la sede della Scuola e l’altro presso l’Azienda con visita degli impianti e dei cicli produttivi.

Rassegna stampa:
Clicca qui per scaricare l'articolo dall'Unione Sarda del 20 marzo 2007 (.gif, 55 kb).
Clicca qui per scaricare l'articolo dall'Unione Sarda del 22 marzo 2007 (.gif, 435 kb).

 
27 Febbraio 2007
Progetto Brasile
Nell’ambito della frenetica attività di servizio del nostro Presidente, che nessuno riesce a contenere, non è possibile non richiamare un progetto di importanza internazionale da lui fortemente caldeggiato e sostenuto da realizzare fruendo delle sovvenzioni Paritarie del Rotary International.
Come sappiamo il progetto prevede la dotazione di tutti gli arredi e le attrezzature di cucina e lavanderia per una casa, di cui è in via di ultimazione la struttura muraria, per accoglienza di donne e bambini ubicata in Brasile nello Stato di Goiana in località Anapolis.
Il costo presuntivo è valutato in €. 30.000 di cui 15.000 a carico del Club.

Si riporta un articolo apparso sull’Unione Sarda.

 
17 Febbraio 2007
"Festa di Carnevale"

Cari amici,
credo sia opportuno, a caldo, trarre le dovute conclusioni a gratificazione del grande sforzo operato indistintamente da tutti, soci e loro signore, per la riuscita della manifestazione annuale più rilevante per il reperimento dei fondi da destinare alle nostre azioni internazionali.
Nonostante l’epidemia di “americana“, abbiamo rasentato di raggiungere tra partecipanti, soci e ospiti che hanno ugualmente versato le quote pur senza partecipare e elargizioni liberali, l’equivalente delle 200 adesioni che ci eravamo prefissati in funzione della capienza del locale.
Considerando che in un determinato momento, per le più svariate motivazioni, ciascun socio può profondere solo un certo tipo di impegno e non quello che un rompiscatole come me parrebbe pretendere dobbiamo riconoscere con soddisfazione di aver ottenuto un grande risultato.
E’ stato il successo dell’ottimismo e il frutto del lavoro di tutti i soci, nessuno escluso. Siamo riusciti a portare alla nostra festa professionalità di ogni settore di attività del territorio a cui abbiamo illustrato le finalità delle nostre azioni. Complimenti di cuore a tutti i soci per l’azione svolta prima e durante la serata.
Sono sicuro che la presenza ed il coinvolgimento di tanti ospiti renderà più facile, nel prossimo futuro chiedere la loro partecipazione spingendo loro stessi a diventare di fatto ambasciatori del nostro messaggio di servizio.
Ho visto, alla fine della festa, ospiti che lasciavano la sala felici di avere trascorso una serata di grande allegria finalizzata alla beneficenza.
Mi ero ripromesso di salutare e ringraziare personalmente tutti gli ospiti prima che lasciassero la sala; forse non ci sono riuscito.
Tuttavia, la maggior parte delle persone che ho potuto salutare e quelle che casualmente ho incontrato nei giorni successivi mi hanno confermato di aver trascorso una bella serata in amicizia e di volersi rivedere presto coinvolti in altre iniziative similari.
Erano frasi di circostanza? Forse per alcuni ma sicuramente la maggior parte dei partecipanti si è divertita certa di aver contribuito a raggiungere uno scopo sociale di grande portata.
Personalmente credo che tutti, ospiti e rotariani, siano stati bene ma, quantunque fossimo tutti allegramente impegnati, siamo riusciti a parlare anche di Rotary, di Rotary Fondation, del nostro progetto in Brasile e della finalizzazione del denaro che abbiamo ed intendiamo raccogliere.
Dobbiamo ritenerci tutti, comprese e non ultime le nostre signore, soddisfatti del risultato ottenuto, ma non appagati perché potevamo fare di più.
Il reperimento di fondi per realizzare i nostri progetti pluriennali, locali e internazionali senza dover ricorrere all’autofinanziamento, non può realizzarsi senza un preciso impegno personale che non deve intralciare, allo stesso tempo, il nostro lavoro quotidiano.
RIUSCIRE A CONTEMPERARE LE DUE COSE SARA’ COMPITO DI UN PROGETTO CHE SUGGERISCO ALLA COMMISSIONE AZIONE INTERNA DI PREDISPORRE.
L’obiettivo programmato del reperimento dei 5000 euro annuali per il nostro progetto del Brasile quest’anno potrà essere raggiunto, forse agevolmente, grazie alla raccolta attuale che sfiora già i 3700 euro a cui dovranno aggiungersi i contributi delle future serate organizzate dalle signore e quelli del brunch che il vulcanico Prefetto Claudio Facchini ha in previsione per sabato 28 Aprile (Sa die de sa Sardigna).
Questa iniziativa che sostituisce quella di dicembre, potrà prendere forma sotto l’abile regia di Gianni Carboni coadiuvato dalla qualificata e professionale capacità di arrostitori quali Sergio Busonera e Giovanni Porro a cui sicuramente andranno ad aggiungersi altri soci felici di farsi coinvolgere come è avvenuto in altre circostanze.
Riuscire a raccogliere denaro con lo spirito evidenziato dai nostri manifesti del centenario credo sia il massimo.
Tutti quelli che ci conoscono e a cui portiamo i nostri inviti dovrebbero sapere che:
- ovunque ci siamo noi c’e sempre un rinfresco;
- a noi piace organizzare cene;
perché le nostre sono tutte iniziative finalizzate a far diventare il mondo un tantino migliore di quello che era prima del nostro intervento.
Riuscire inoltre a raggiungere l’obiettivo della raccolta dei 5000 euro annuali, per finanziare i progetti internazionali e forse anche quelli locali(in fieri) pluriennali, senza intaccare il bilancio ordinario annuale del club è l’obiettivo che il direttivo si è proposto nel presente anno.
Questo obiettivo lo dobbiamo raggiungere affinché i futuri presidenti, che hanno condiviso i progetti pluriennali, possano essere liberi di svolgere la loro azione senza impegni finanziari aggiuntivi per i soci.
Le iniziative in atto e in previsione così come le riflessioni che sto esternando tendono solamente ad Aprire la via, secondo il motto di questo anno rotariano, ai futuri progetti del presidente incoming e di quello eletto, collegati entrambi ai progetti pluriennali del club.
Spetterà poi a loro, nella libera interpretazione del loro mandato, scegliere le iniziative e le modalità che riterranno più opportune per il raggiungimento degli scopi sociali del Club.
Chiudo non senza ricordare che l’aver coinvolto un così gran numero di nuovi partecipanti alle nostre iniziative ci ha permesso di avere altre quattro richieste di adesione di cui due hanno già ottenuto il placet preventivo di tutti i soci e sono pronte per l’attivazione dell’iter procedurale per i possibili ingressi.
- Sono sempre più convinto che dobbiamo incrementare ancora e velocemente l’effettivo per raggiungere al più presto la quota di almeno 80 soci effettivi(Iglesias con un bacino di utenza inferiore alla metà del nostro supera i 40 soci) in modo che i nostri futuri progetti possano poggiarsi sulla base solida e condivisa di un numeroso ed attivo club.Nonostante l’aumento di nuovi possibili soci potremo però dire di essere sulla giusta strada solo nel caso in cui essi si dimostrassero portatori delle caratteristiche peculiari di ciascun vero rotariano:
- -amicizia
- -collaborazione
- -comprensione
- -etica professionale
- -leadership comunitaria.
- Se il nostro, come io da sempre sostengo, è un grande club con pochi soci spetta ai futuri presidenti, con l’appoggio incondizionato di tutto l’effettivo nessuno escluso, trasformarlo in un grande club con un numero di soci efficiente ed adeguato alla reale potenzialità del territorio
Un abbraccio rotariano
Primus inter pares Franco

Clicca qui per scaricare la lettera di augurio del Vescovo d'Iglesias Mons. Tarcisio Pillola (.pdf, 85 kb).

Sotto alcune foto della festa.


 
Sito creato da Anakina Web Questo è il Rotary! Scarica il pdf informativo Torna all'homepage