Archivio notizie >
Effettivo del club
Attivitā del club
La storia del club di Carbonia
Contatta il club

Scarica l'opuscolo "Questo è il Rotary"
Questo č il Rotary!
.pdf, 509 kb


News > Archivio notizie > Trimestre Gennaio-Marzo 2012
14 Marzo al 13 Aprile 2012
CORSO RYLA
“Corso per la Leadership di formazione di Impresa nel settore dell’Agricoltura e della Zootecnia”
.
II corso, rivolto inizialmente alla chiamata imprenditoriale, è stato rivolto a stimolare coloro che aspirano a creare la propria impresa , ad approfondire le problematiche connesse con la creazione d'impresa e a sviluppare le competenze necessarie ad affrontare una realtà sempre più complessa e in continuo divenire, con strumenti avanzati di gestione. II piano di formazione che segue la prima fase di chiamata imprenditoriale, è stato rivolto a fornire ai partecipanti le conoscenze di principi e metodi necessari per lo sviluppo cosciente di una idea imprenditoriale e per la sua implementazione.
Con queste motivazioni il Club ha organizzato il RYLA 2012 coinvolgendo 18 ragazzi, parte maturandi e parte già diplomati dell’ Istituto di Istruzione Superiore “C. Beccaria” – Professionale per Agricoltura ed Ambiente di Santadi, affidandosi all’insegnamento e coordinamento di un noto professionista del Management Dott. Antonio Nurra, con la collaborazione del Prof. Mauro Tolu, Docente dell’Istituto, del Dott. Giacomo Oppia, rotariano del Club Cagliari Anfiteatro e Libero Professionista Consulente in Agraria, e del socio Dott. Giovanni Porro, Imprenditore nell’Industria Alimentare. Il corso si è svolto in complessive 7 intense giornate di lavoro suddividendo la didattica presso l’Istituto ed il tirocinio pratico presso l’azienda “Salumitaliani” di Giovanni Porro ed il complesso di Agriturismo “La Grotta del Tesoro” vicino alla cittadina di Santadi.

Cliccare qui per scaricare il “Programma RYLA 2012” (.pdf, 111 kb).
Uno scorcio dell’aula

Il gruppo corsisti, docenti e soci del club all’Istituto Beccaria Il gruppo corsisti, docenti, presidente del club Aldo Atzeni e il socio Giovanni Porro all’Azienda Salumitaliani
 
13 Marzo 2012
Conversazione di Antonio Tuberi sul tema “ Storia della Chirurgia”
Alla presenza di un buon numero di soci e ospiti l’amico Antonio, socio del Club di Iglesias, ha tenuto una interessante conversazione sulla “Storia della Chirurgia” accompagnata da video-esposizioni di documentazioni storiche sulle pratiche utilizzate nel corso dei tempi fino ai giorni nostri nell’esercizio di questo specifico settore della medicina, la bravura dialettica utilizzata nell’esposizione ha attirato la nostra attenzione per una abbondante mezzora coinvolgendoci senza che ce ne fossimo accorti, tanto era l’interesse suscitato unanimemente a tutti i presenti.

Alcuni momenti della serata.


 
6 Marzo 2012
Raccolta Fondi per Solidarietà

Le signore del Club consorti e socie hanno organizzato una pizzata per la raccolta di fondi da devolvere a Valentina Pitzalis gravemente ustionata per il proseguo delle terapie nella ricostruzione dell’arto e del viso, spese non interamente sostenute dall’Assistenza Sanitaria Nazionale.

Fare clic qui per scaricare l'articolo de l'Unione Sarda dell'8 marzo (.pdf, 47 kb).

 
3 Marzo 2012
Raccolta Alimentari di Solidarietà
Il club su iniziativa caldeggiata dal Distretto ha aderito alla manifestazione programmata per questa data così che in una splendida giornata pre-primaverile una squadra composta da soci volontari ed alcuni ragazzi delle Scuole Medie Superiori, cooptati per l’occasione, rigorosamente abbigliati con una T-shirt dai colori del Rotary e con il motivo della manifestazione si sono presentati agli ingressi dei supermercati Leclerc e Eurospin della città ed hanno raccolto quasi dieci carrelli di generi alimentari che generosamente sono stati offerti dai clienti. Il raccolto è stato in seguito consegnato alla Caritas cittadina per la loro distribuzione alle famiglie bisognose.

Ecco alcune testimonianze immortalate.

Fare clic qui per scaricare l'articolo su L'Unione Sarda del 9 marzo 2012.
 
19 Gennaio 2012
Presentazione Progetto EcoCampus – Interclub presso R.C. Cagliari con R.C Carbonia e R.C. Iglesias
Presso la sede del Rotary Club Cagliari si è tenuta la manifestazione di presentazione del Progetto EcoCampus alla presenza di rappresentanti delle Amministrazioni locali come il presidente della Provincia Carbonia-Iglesias On. Ing. Salvatore Cherchi, Sindaco del comune di Narcao On. Dott. Gianfranco Tunis, Assessore Territorio – Ambiente - Servizi di pubblica utilità - Lavori pubblici del comune di Carbonia Dott. Franco Manca; presenti pure lo staff dirigenziale dell’AEGEE (Association des Etats Généraux des Etudiants d’Europe ) che con i suoi associati collaborerà sul campo ed infine erano presenti numerosi soci dei tre Club.

La cerimonia si è aperta con il benvenuto e breve descrizione delle origini e delle finalità del Progetto denominato per l’occasione “Macchina del Paesaggio e EcoCampus: Idee per la Valorizzazione del Patrimonio archeo-industriale” da parte del Presidente del R.C. Cagliari Michele Rossetti a cui hanno fatto seguito gli interventi del presidente del R.C. Carbonia Aldo Atzeni e R.C. Iglesias Fasto Oggianu.

Il progetto ECO CAMPUS è stato ideato e promosso dai Rotary Club di Cagliari, Carbonia ed Iglesias e si inserisce nel quadro delle azioni che il Club svolge a favore del territorio.
I problemi alla cui soluzione i tre Rotary Club intendono fornire il loro contributo sono:
• Il problema della valorizzazione del vasto ed importantissimo patrimonio paleoindustriale del Sulcis Iglesiente
• La visione da parte di molte delle autorità pubbliche delle aree ex-minerarie più come un problema ambientale che come una risorsa da valorizzare;
• Il limitato successo (se confrontato con i numeri di altre realtà archeo-industriali europee) in termini di fruizione a scopo turistico dei beni archeo-industriali su cui sono state intraprese azioni di valorizzazione;
• La necessità di formare giovani generazioni di “manager dei beni archeo-industriali” che guardino al turismo ed alla cultura come opzioni di sempre maggiore interesse per la valorizzazione ed il riutilizzo delle aree e delle infrastrutture minerarie abbandonate.
Secondo i nostri Club, lo sviluppo di attività turistiche e culturali è il modo migliore per stimolare lo sviluppo in aree in cui è venuta a cessare la principale fonte d’occupazione, l’industria mineraria, per conservare e proteggere l’eredità industriale lasciata dalle miniere e per mantenere viva la diversità culturale delle aree minerarie
Il progetto trae spunto da alcuni eventi che costituiscono la premessa indispensabile per evidenziare i problemi e le esigenze del territorio alla cui soluzione s’intende fornire un contributo:
• La prossima restituzione dell’area ex mineraria della discarica di Serbariu al Comune di Carbonia da parte della società LIGESTRA, attualmente proprietaria dell’area;
• La proposta inoltrata dai Rotary Club di Cagliari, Carbonia ed Iglesias, in collaborazione con la società LIGESTRA, proprietaria delle aree, ed il Comune di Carbonia di realizzare nell’area un ECOPARCO, articolato su attività di stabilizzazione e rinverdimento delle discariche e di depurazione delle acque del suolo e del sottosuolo tramite sistemi di fitodepurazione, e sulla creazione di un’area didattica in cui insediare un centro di eccellenza che specializzi giovani di tutta Europa nell’approccio multidisciplinare alla valorizzazione dei siti ex minerari, sposando all’approccio ingegneristico (inteso come ingegneria naturalistica – uso di piante per la stabilizzazione dei versanti e per la depurazione delle acque) all’approccio di architettura del paesaggio, basato sulla Convenzione Europea del Paesaggio, all’approccio della conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, intendendo i beni paesaggistici e paleondustriali come fortemente integrati nella cultura del territorio.
• Il successo del Concorso internazionale d’idee organizzato dai tre Rotary, che ha consentito al Comune di Carbonia di acquisire 9 progetti di elevata qualità, alcuni dei quali già pubblicati in testi scientifici ed in riviste nazionali ed internazionali di architettura;
L’opportunità offerta dalla rete internazionale di circa 34.000 Rotary Clubs sparsi in oltre 200 paesi ed aree geografiche del mondo e dalle finalità di servizio per organizzare un evento internazionale che costituisca nel contempo un’esperienza preziosa per i giovani sardi che vi parteciperanno ed un occasione per confrontarsi sui temi della valorizzazione delle risorse paleoindustriali con giovani professionisti di vari paesi europei ed acquisire preziosi suggerimenti e consigli da personalità di assoluto rilievo europeo che terranno i seminari.


In seguito è stata data parola al Presidente della Provincia Carbonia-Igliesias On Ing. Salvatore Chechi che ha molto apprezzato l’iniziativa ed ha dato la massima disponibilità dell’Amministrazione della Provincia nel sostegno finanziario del progetto, così pure a seguire anche il Sindaco del Comune di Narcao On Dott. Gianfranco Tunis che è stato molto lusingato dalla scelta fatta dall’organizzazione per la sede del Campus presso il complesso turistico realizzato dal Comune di Narcao con il recupero delle strutture immobiliari della Miniera di Rosas (un ambiente ideale per il lavoro di una equipe di 24 giovani laureati nell’elaborazione di progetti sulle tematiche stabilite nel progetto). Anche l’intervento successivo dell’Assessore del Comune di Carbonia Dott. Franco Manca è stato sullo stesso tono e contenuto.
A chiusura della conferenza l’amico Mario Figus coordinatore del Progetto e socio del R.C. Cagliari ha illustrato in modo più ampio ed esaustivo il Progetto nella sua struttura, negli obbiettivi e destinazione, interagendo in seguito con i presenti in sala soddisfacendo le aspettative degli interlocutori.
Descrizione del progetto
Lo scopo dell’ECO-CAMPUS è di anticipare su scala molto ridotta l’attività del Centro Scientifico che verrà realizzato all’interno dell’ECOPARCO di Serbariu Grande Miniera di Carbonia, con una serie di seminari su tre unità didattiche:
• Ingegneria naturalistica, come mezzo per la piena valorizzazione dell’ambiente, con la trasformazione delle vecchie discariche da accumuli di rifiuti minerari a rilievi artificiali da rimodellare, da stabilizzare e rivegetare con essenze vive e da integrare nel tessuto urbano;
• Tutela del paesaggio, inteso come il complesso di interrelazioni fra territorio, ambiente ed uomo;
• Archeologia industriale, come mezzo per non dimenticare l’importante passato industriale di Carbonia e per riproporne la ricca eredità culturale;
Formando tre gruppi di lavoro che potranno usufruire di attività didattiche in aula sotto forma di lezioni e/o seminari della durata di 1-2 ore per modulo e di attività sul campo, consistenti in visite didattiche ai siti di particolare interesse archeologico industriale del Sulcis Iglesiente. I partecipanti saranno alloggiati in una sorta di College Campus in modo da favorire la loro conoscenza ed il loro affiatamento, la struttura ideale per il Campus è stata individuata nel villaggio della Miniera di Rosas (Narcao), sia perché inserito in una vecchia struttura mineraria sia perché in grado di ospitare fino a 50 persone – insegnanti e docenti) in ambienti di pregio recentemente realizzati.
I corsi saranno tenuti in lingua inglese da docenti provenienti da Università di Cagliari, Politecnico di Milano, Università di Genova, Università di Aachen (Germania), Edenproject (Cornovaglia U.K.), INETI (Portogallo), Vrije Universiteit Brussel, Research Centre for Industrial Heritage - Czech Technical University of Prague, Industrial Heritage Association of Ireland, University of Birmingham. Le visite sui siti saranno guidate da docenti dell’Università di Cagliari.
I corsi verranno coordinati durante il loro svolgimento da tutor che saranno dottorandi dell’Università di Cagliari , e le attività logistiche e ricreative saranno curate dagli associati dell’AEGEE (Association des Etats Généraux des Etudiants d’Europe ). Il Campo durerà due settimane (dal 12 al 26 maggio 2012) e sarà articolato in seminari monografici curati da esperti internazionali delle filiere didattiche in cui si articolerà il Campo. I seminari saranno ospitati presso la Palazzina Bellavista a Iglesias, presso le Aule del Centro Italiano di Cultura del Carbone a Carbonia, mentre gli workshop serali saranno ospitati presso il villaggio minerario di Rosas (Narcao). Il progetto è in linea con gli obbiettivi del Rotary International, mirati alla formazione delle Nuove Generazioni, alla promozione dello sviluppo socio – economico del territorio ed alla valorizzazione e tutela delle risorse ambientali. La progettazione dell’attività e stata gia svolta e sono stati attivati i mezzi multimediali per la divulgazione dell’informazione. E’ in avvio la fase di reclutamento dei partecipanti a cui seguirà la fase di selezione sulla base del rispettivo Curricula Vitae.

Obiettivi che si intendono realizzare con il progetto
Il club Rotary Carbonia assieme agli altri due Club di Cagliari e Iglesias intendono, con l’organizzazione di un campo internazionale di alta formazione per giovani laureati, realizzare a fine dei lavori una monografia su nuove idee di progetto per la rivalutazione ambientale dei siti minerari e industriali dimessi che verrà pubblicata e messa a disposizione delle Amministrazioni ed Istituzioni locali e della Sardegna, come materia di spunto per le eventuali realizzazioni di opere per la tutela dell’ambiente con l’architettura del paesaggio e con la valorizzazione del patrimonio paleoindustriale del Sulcis. L’iniziativa si inserisce tra quelle previste nell’ambito del Premio Europeo del Paesaggio, assegnato nel 2011 al Comune di Carbonia dal Consiglio d’Europa e consisterà nello svolgimento di un tema proposto dalle Amministrazioni Locali svolto in modo multidisciplinare secondo i punti di vista di personalità di vari Paesi Europei.

Destinatari del progetto
I partecipanti al Campo sono 24 giovani di età compresa tra i 23 ed i 30 anni con laurea magistrale in materie scientifiche e umanistiche , di cui 4 residenti in Sardegna e 20 provenienti dai 14 paesi europei che hanno partecipato al Premio Europeo del Paesaggio, recentemente vinto dal Comune di Carbonia.

 
12 Gennaio 2012
Visita del Governatore e presentazione nuovi Soci

Il presidente dopo il rituale saluto alle bandiere e di benvenuto al Governatore Daniela Tranquilli Franceschetti, al Segretario Distrettuale PierGiorgio Poddighe ed agli ospiti presenti ha dato il via alla presentazione di quattro nuovi soci.

I nuovi soci hanno avuto l’onore di ricevere il distintivo direttamente dal Governatore:

Lucia Amorino, Laurea in Lettere, dirigente I.N.P.D.A.P.;
Patrizia Giranu, Laurea in Leggi, Avvocato libero Professionista;

Gianfranca Veccia, Laurea in Medicina e Chirurgia e specializzazione in Ortopedia e Traumatologia, Medico Dirigente presso il Presidio Ospedaliero “Sirai” di Carbonia;


Pietro Armeni, Geometra libero Professionista e Agente Immobiliare.




Il Presidente in seguito ha proseguito con il discorso di relazione dell’operato del club per le attività gia svolte e per quelle che sono in corso di realizzazione.
Il Governatore, a chiusura degli interventi, ha preso la parola con un discorso dove ha manifestato grande soddisfazione e vivo apprezzamento per le attività di contenuto originale e di rilevanza rotariana finalizzate a favore del Territorio per la crescita delle Nuove Generazioni, che sono state svolte e che sono ancora in corso di svolgimento. E’ stato un discorso fatto con il cuore, comunque un po’ fuori dagli standard abitudinari, che ha avuto molta presa sui presenti e ci ha fatto molto piacere che ciò sia avvenuto alla presenza dei nuovi soci trasmettendo a loro un maggior entusiasmo di esserne appartenenti al Rotary.


Grazie Daniela! Hai ricaricato anche noi, vecchi rotariani!

 
Sito creato da Anakina Web Questo è il Rotary! Scarica il pdf informativo Torna all'homepage