Effettivo del club
Attivitā del club
La storia del club di Carbonia
Contatta il club

Scarica l'opuscolo "Questo è il Rotary"
Questo č il Rotary!
.pdf, 509 kb


News > Archivio notizie > Trimestre Ottobre-Dicembre 2010
18 Dicembre 2010
Progetto Solidarietà
Anche quest’anno, come è tradizione da 7 anni, il Rotary Club Carbonia ha portato termine il progetto con la raccolta di generi alimentari e di fondi per il confezionamento di 200 pacchi dono da distribuire alle famiglie disagiate del territorio del Sulcis, in occasione delle festività natalizie.

Alla raccolta fondi hanno contribuito in gran parte le mogli dei soci riunendo nella tradizionale “Pizzata” ben 250 signore e signorine presso il ristorante Tanit – Loc. Sirai S.S. 126 – Carbonia, dove hanno trascorso una bella serata all’insegna dell’amicizia e dell’allegria.

Ecco alcuni scorci della serata.


Il lavoro di raccolta delle derrate alimentari è stato svolto dai soci del Club tramite proficui contatti con produttori e commercianti regionali e locali. Duecento pacchi sono stati preparati dai soci con la collaborazione delle signore, come sempre nei locali dello stabilimento di proprietà del socio Giovanni Porro, che è anche uno dei primi organizzatori e promotori del Progetto. Dopo il confezionamento i pacchi sono stati consegnati alle parrocchie del territorio, per la distribuzione finale alle famiglie, grazie al socio Bruno Cannas che ha messo a disposizione i mezzi ed il personale.
Uno scorcio della catena di confezionamento.

Alcuni della squadra in posa davanti alla muraglia di pacchi confezionati.

La fase di caricamento dei furgoni per la consegna.
 
11 Dicembre 2010
Convegno “Serbariu: dalla Discarica all’Ecoparco”
Sabato 11 dicembre presso il Centro della Cultura del Carbone - Serbariu, Carbonia, si è tenuto il Convegno di premiazione del Concorso di Idee per l'Ecoparco, con la Cerimonia di consegna dei progetti premiati al Comune di Carbonia da parte dei Rotary Club Carbonia, Cagliari ed Iglesias.
Prima dell’inizio del lavori il nostro presidente Paolo Amorino, dopo il discorso di apertura e saluto ai partecipanti, ha proceduto alla consegna della Borsa di studio da Euro 1.000,00 al neo studente universitario Lorenzo Congiu quale migliore maturato del Sulcis per l’anno scolastico 2009-2010 scorso.


Alla manifestazione hanno partecipato come relatori il Presidente del Consiglio Regionale On. Claudia Lombardo, l'Assessore Regionale al Lavoro Dott. Franco Manca, il Presidente della Provincia Carbonia-Iglesias On. Ing. Salvatore Cherchi, il Vice-Sindaco di Carbonia Dott.ssa
Maria Marongiu, il Responsabile Comunicazione del Distretto 2080 R.I. Ing. Alberto Cecchini, il Responsabile Operativo della LIGESTRA srl Ing. Giorgio Bognin, il coordinatore del progetto Ing. Mario Figus socio del Rotary Club di Cagliari, mentre i presidenti dei Club si sono suddivisi i compiti dell’apertura del convegno con il discorso del Prof. Paolo Amorino del Club Carbonia, con il coordinamento degli interventi da parte del Prof. Ing. Gaetano Ranieri del Club Iglesias, ed infine con il discorso di chiusura dei lavori da parte del Dott. Ninni Cabras del Club Cagliari, numerose persone hanno assistito alla manifestazione che si è svolta nell’arco di quattro ed intense ore occupando anche la vicina sala della Società SOTACARBO, collegata preventivamente in video conferenza per accogliere in maggior numero di persone.

Gli interventi delle autorità presenti hanno dato lustro al lavoro svolto dai tre Club per la realizzazione del Concorso di Idee, che oltre ad essere mirato al recupero ambientale di un sito degradato dalle lavorazione della Grande Miniera di carbone di Serbariu, ha soprattutto creato l’idea di far sorgere nell’area interessata un Centro di Eccellenza per lo studio e per la sperimentazione di tecniche di ingegneria ambientale proprio per recupero delle are degradate a seguito del cessazione dello sfruttamento minerario, realtà non solo regionale ma nazionale ed addirittura internazionale dato che la finalità preposta dai Rotary è quella di far convergere in questo centro studiosi e studenti da tutte le parti del mondo.
A seguito degli interventi di contenuto strategico sociale e politico si è proceduto alle premiazioni dei concorrenti:

Primo premio da 25.000 Euro al Progetto “ VENA VERDE ” redatto dal gruppo di lavoro guidato dall’Arch. Fulvia Premoli di Milano, giudicato quello che meglio ha integrato tutte le linee guida del bando e che ha presentato la maggiore originalità della proposta progettuale generale ed efficacia nelle scelte tecnologiche di realizzazione del parco e nelle soluzioni di arredo verde.
Secondo premio da 3.000 Euro al Progetto “ IL MITO DI PROSERPINA ” redatto dal gruppo di lavoro guidato dall’arch. Eros Colzani di Milano, che si è distinto per avere bene conciliato le soluzioni tecnologiche di realizzazione dell’Ecoparco con la tradizione mineraria e con la storia del sito.
Menzioni speciali dei tre Rotary Club e del Comune di Carbonia hanno riguardato il progetto “S.E.R.B.A.R.I.U.” predisposto dal gruppo guidato dall’Architetto Maria Irene Cardillo di Roma, distintosi per l'elevata qualità degli elaborati pervenuti e per la rilevanza e l'originalità delle soluzioni di sfruttamento delle energie rinnovabili, particolarmente interessanti, dato che Carbonia nel suo piano urbanistico comunale si propone come laboratorio e palestra di sperimentazione di temi energetici innovativi;
il progetto “ ORGANISMI SPONTANEI ” redatto dal gruppo dell’Arch. Tommaso Franceschi di Firenze, costituito tutto da giovani professionisti di età inferiore ai 35 anni, distintosi per il pregio delle soluzioni architettoniche e delle scelte di arredo verde del parco.
Sono stati consegnati altri riconoscimenti ai restanti cinque progetti che in maniera minore, ma pur sempre con tratti di originalità, hanno presentato spunti interessanti per meglio completare l’Idea migliore per la soluzione del Progetto di realizzazione finale dell’Ecoparco.

Sono seguite le relazioni dei quattro progettisti premiati dove hanno meglio esposto con l’ausilio di videoproiezioni l’idea e le finalità del loro progetto.

In ultimo il Responsabile Operativo della LIGESTRA srl Ing. Giorgio Bognin ha esposto una interessantissima relazione sul loro ruolo di preparazione alla predisposizione per la riqualificazione delle aree classificate “Discariche” e pertanto non convertibili ad altro utilizzo e di partecipazione al progetto dei club Rotary, accompagnata da veoproiezioni che ha suscitato molto interesse del pubblico presente per la qualità dei contenuti, rivolti soprattutto alla sensibilità gestionale degli Amministratori delle comunità territoriali, essendo la LIGESTRA (Gruppo FINTECNA) una Società dello Stato che ha la proprietà dei terreni degradati da attività minerarie ed industriali distribuiti su ambito nazionale con il dovere di cederli alle Comunità di appartenenza solo a seguito di progetti di riqualificazione ambientale per essere fruiti sia a beneficio pubblico che privato.

La realizzazione di questa importante iniziativa, è stato un bel esempio di come la collaborazione tra i Club possa portare ad ottenere grandi risultati.

I Rotary Club di Cagliari, Carbonia ed Iglesias, a seguito del successo tecnico, sociale e mediatico ottenuto durante la manifestazione avvenuta il 11 dicembre scorso con lo svolgimento del Convegno di premiazione per i concorrenti al Concorso di Idee “ Serbariu: dalle discariche all’Ecoparco” organizzato dai suddetti Club con l’accordo Interclub del 29 maggio 2007, intendono proseguire alla collaborazione in interclub per una seconda fase con il seguente obiettivo:

Collaborazione finalizzata al mantenimento della soglia di attenzione delle Amministrazioni Pubbliche e della Popolazione locali sull’avvio e concretizzazione delle procedure burocratiche necessarie all’erogazione dei fondi ed allo stanziamento degli stessi necessari alla realizzazione del Ecoparco sulle discariche dell’area della Miniera di Serbariu.

E con le seguenti Azioni:

A sostegno della costituzione:
 Gemellaggi e incontri tecnici
 Convegni di promozione
 Azioni sperimentali di formazione
 RYLA

Le attività sopra descritte serviranno per apportare maggior informazioni tecniche-economiche e mantenere alto il livello di informazione mediatica contribuendo alla crescita di maggior interesse sull’iniziativa, che a nostro giudizio potrà essere realizzata solo se la popolazione ne sarà consapevole dell’importanza dell’opera come ricaduta di maggior valenza per il loro territorio attualmente solo ed unicamente subalterno ad una economia industriale in fase di dismissione e/o di ridimensionamento, ad una ancora neonata cultura del turismo e ad una buona economia agro-pastorale.

Clicca qui per scaricare l'articolo apparso il 12 dicembre su L'Unione Sarda.

 
6 Dicembre 2010
Conferenza stampa presentazione convegno “Serbariu: dalla Discarica all’Ecoparco”

Nella sala conferenze della Torre Prefettizia di Carbonia il vice sindaco di Carbonia Dott.sa Maria Marongiu, il presidente della Provincia On. Ing. Tore Cerchi, il presidente del Rotary Club Carbonia Paolo Amorino ed il coordinatore del progetto Mario Figus socio del rotary club Cagliari hanno illustrato dei rappresentanti della stampa locale e regionale il risultato del concorso e il programma del convegno in programma sabato 11 dicembre.

Clicca qui per scaricare la brochure della premiazione che avrà luogo il prossimo 16 dicembre.


E’ stato consegnato il seguente comunicato stampa:

Il progetto “Serbariu: dalla Discarica all’Ecoparco” è stato avviato nel 2008 e giunge il prossimo 11 dicembre alla conclusione della sua prima tappa: la premiazione del Concorso di Idee indetto lo scorso anno dai Rotary Club di Cagliari, Carbonia ed Iglesias e la consegna dei progetti al Comune di Carbonia. In tal modo l’Amministrazione ed la LIGESTRA S.r.l., proprietaria dei terreni su cui risiede la discarica di Serbariu, potranno disporre di un patrimonio di valide idee progettuali da cui attingere per la predisposizione degli elaborati progettuali che verranno sottoposti agli Enti finanziatori.
L’idea del concorso d’idee data al 2008, anno in cui è iniziato il processo di restituzione al territorio delle aree minerarie ex carbonifere di Serbariu attraverso la cessione di tali beni dall’attuale proprietà detenuta dalla società LIGESTRA, che amministra questi beni per conto dello Stato, al Comune di Carbonia.
Il motore che ha spinto i tre club ad unirsi ed a coinvolgere la proprietà e l’Amministrazione Comunale nell’organizzazione del Concorso di Idee è la ferma di volontà di evitare che anche quelle aree, ricche, come molte altre aree minerarie della Sardegna, di Storia e di Cultura venissero abbandonate nell’attuale stato di degrado e di sfruttare l’occasione di tale cessione per sviluppare un modello di valorizzazione naturalistica e culturale di aree altrimenti inevitabilmente destinate al degrado.
I fondi necessari per l’organizzazione del concorso di idee e la dotazione finanziaria per i premi sono stati garantiti dal Comune di Carbonia, dalla società LIGESTRA S.r.l. (Gruppo FINTECNA) attuale proprietaria dei terreni, dalla Provincia di Carbonia Iglesias, dal Parco Geominerario Storico ed Ambientale della Sardegna, mentre la presidenza del Consiglio Regionale ha garantito il proprio alto patrocinio all’organizzazione del Convegno di premiazione.
L’obiettivo del concorso di idee è quello di fornire spunti e linee di approccio progettuale per la realizzazione di un parco scientifico-culturale a cielo aperto che si affianchi al polo scientifico-museale del Centro Italiano di Cultura del Carbone, insediato nell’area della Vecchia Miniera di Serbariu. L’ECOPARCO è un’iniziativa con forti valenze naturalistiche e scientifiche e verrà localizzato nell’area delle attuali discariche.
Le nove idee-progetto pervenute, che sono state guidate da un concept redatto dalla commissione organizzatrice del Concorso, che ha fornito linee guida puntuali sulla redazione delle idee-progetto sono tutte improntate a criteri di elevata compatibilità ambientale ed hanno generalmente rispettato i quattro requisiti fondamentali indicati nel Bando:
• Originalità della proposta;
• Arredo verde del parco;
• Aderenza delle tecnologie di realizzazione dell’Ecoparco alla tradizione locale e contestualizzazione del progetto con la culturale locale;
• Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e progettazione bioclimatica e sostenibile della parte edificata.
La Commissione Giudicante, presieduta dal Prof. Pasquale MISTRETTA, rettore emerito dell’Università di Cagliari, e costituita da rappresentanti dei tre Rotary Club promotori del Progetto, da docenti dell’Università di Cagliari, da rappresentanti del Comune di Carbonia, della società LIGESTRA e dell’Ordine degli Ingegneri ha decretato di assegnare il primo premio di 25.000 Euro al progetto “Vena Verde” redatto dal gruppo di lavoro guidato dall’Arch. Fulvia PREMOLI di Milano, giudicato quello che meglio ha integrato tutte le linee guida del bando e che ha presentato la maggiore originalità della proposta progettuale generale ed efficacia nelle scelte tecnologiche di realizzazione del parco e nelle soluzioni di arredo verde.
E’ stato assegnato un rimborso spese di 3.000 Euro al progetto secondo classificato “Il mito di Proserpina” redatto dal gruppo di lavoro guidato dall’arch. Eros COLZANI di Milano, che si è distinto per avere bene conciliato le soluzioni tecnologiche di realizzazione dell’Ecoparco con la tradizione mineraria e con la storia del sito.
Menzioni speciali dei tre Rotary Club e del Comune di Carbonia hanno riguardato il progetto “S.E.R.B.A.R.I.U.” predisposto dal gruppo guidato dall’Architetto Maria Irene Cardillo di Roma, distintosi per l'elevata qualità degli elaborati pervenuti e per la rilevanza e l'originalità delle soluzioni di sfruttamento delle energie rinnovabili, particolarmente interessanti, dato che Carbonia nel suo piano urbanistico comunale si propone come laboratorio e palestra di sperimentazione di temi energetici innovativi; il progetto “Organismi Spontanei” redatto dal gruppo dell’Arch. Tommaso Franceschi di Firenze, costituito tutto da giovani professionisti di età inferiore ai 35 anni, distintosi per il pregio delle soluzioni architettoniche e delle scelte di arredo verde del parco.
Dalle idee pervenute si profila un ECOPARCO che costituirà, integrandosi con le strutture tecnico-scientifiche già realizzate nell’Ambito del Centro Italiano di Cultura del Carbone, un centro di eccellenza per la protezione dell’ambiente e del patrimonio culturale locale, oltre che un punto di riferimento unico in Italia per la formazione di tecnici specialisti nel settore del ripristino ambientale ed un sito per la sperimentazione di nuove tecnologie ambientali.
Nel realizzando Centro di Eccellenza studiosi e ricercatori di tutta Europa potranno sperimentare tecniche di ingegneria naturalistica finalizzate alla stabilizzazione dei versanti ed alla fitodepurazione delle acque. Lo sviluppo di tali tecniche consentirà di affrontare in modo ecologicamente sostenibile il risanamento e la restituzione agli usi successivi delle aree minerarie dismesse della Sardegna.
Nel corso dei due anni che sono stati necessari per presentare il progetto, per preparare il bando e per giungere alla premiazione, va sottolineato che la LIGESTRA ed il Comune di Carbonia sottoscrivevano, lo scorso 25.06.2009 un protocollo in cui sono state definite:
• Le modalità di cessione delle aree ex minerarie di Serbariu al Comune di Carbonia e di restituzione al territorio della vasta proprietà LIGESTRA, che ammonta a circa 450 ettari, posizionati nel territorio comunale di Carbonia;
• La sottoscrizione di un accordo di programma quadro che regolerà tutti gli aspetti di programmazione territoriale ed urbanistica che consentiranno di ottimizzare il processo di restituzione al territorio di tali aree;
• L’impegno dei due soggetti sottoscrittori a sostenere l’azione dei tre Rotary anche dopo la donazione dei progetti e di garantire al Rotary il ruolo di “padrino e garante” della realizzazione del progetto nelle successive fasi di sviluppo fino al completamento delle opere.
Da parte sua la LIGESTRA ha provveduto a effettuare tutti gli studi e le indagini geo-ambientali necessarie per caratterizzare il sito e dimostrare la sostanziale assenza di situazioni di contaminazione che possano ostacolare la realizzazione dell’Ecoparco. Lo studio di caratterizzazione è già stato approvato in via preliminare con prescrizioni dall’Ufficio del Commissario per l’emergenza ambientale nelle aree minerarie del Sulcis Iglesiente Guspinese. Le opere prescritte sono state ormai completate e gli esiti delle stesse verranno sottoposti all’Ufficio del Commissario nelle prossime settimane per lo svincolo definitivo delle aree.
Il Comune di Carbonia ha già recepito il progetto dell’Ecoparco nell’ambito del nuovo PUC, destinando le aree delle vecchie discariche minerarie a “parco urbano” e garantendo l’edificabilità delle aree contigue al ramo Sud Ovest delle discariche di Serbariu, destinate ad ospitare il Centro di Eccellenza sull’ingegneria naturalistica ed i relativi laboratori.
LIGESTRA ed il Comune hanno, inoltre, commissionato alla Facoltà di Architettura dell’Università di Cagliari la redazione dell’accordo di programma quadro che fornirà gli indirizzi per la futura valorizzazione di tutte le aree ex minerarie sul territorio del Comune di Carbonia.
In sintesi, riteniamo che la piena condivisione del progetto e la stretta collaborazione tra la proprietà, l’Amministrazione Comunale ed il Rotary e l’interesse dimostrato dalla Regione verso questa iniziativa, oltre all’imponente lavoro svolto da tutti i soggetti coinvolti, abbiano creato tutti i presupposti per la fattibilità concreta del progetto e per l’avviamento delle pratiche per il reperimento dei fondi europei necessari per la realizzazione dell’iniziativa.

Clicca qui per scaricare l'articolo del 7 dicembre su L'Unione Sarda.
Clicca qui per scaricare l'articolo dell'8 dicembre su La Nuova.

 
03 Novembre 2010
Visita del Governatore
Mercoledì 3 Novembre visita del Governatore Roberto Scambelluri accompagnato dall’Assistente Paolo Piccaluga e da il Coordinatore degli Assistenti Salvatore Fozzi.
E’ stato un incontro molto proficuo ed intenso di contenuti dove il Club ha ricevuto moltissimi apprezzamenti per il lavoro che sta svolgendo sul Territorio, i complimenti sono andati anche al giovane Interact Club rappresentato dalla Presidente Giada Marrone.
Alla conviviale hanno partecipato molti Soci con Signore ed il Direttivo dell’ Interact Club.
Sopra le foto con il momento del discorso del Governatore e della consegna degli scudetti con Roberto Scambelluri, Paolo Amirino, Giada marrone e Salvatore Fozzi.

Scambio dei doni
 
Sito creato da Anakina Web Questo è il Rotary! Scarica il pdf informativo Torna all'homepage